giovedì 30 luglio 2009

Trichi - India - Sri Ranganathaswamy Temple

Entrare nella vita di altri, reggere gli sguardi, a volte infastiditi, che chiedono perché. Perché. Perché non sempre riesco a fermarmi sulla superficie. Perché non sempre m'accontento d'immaginare. Perché le domande affollano la mia mente e io non ho risposte.

2 commenti:

normalina (gabry) ha detto...

Quando guardo le persone soppratutto quelle che appartengono a una cultura diversa,mi domando sempre come sentirano il mio sguardo. Mi fa molta timidezza,ho paura di offendere,ho paura che nel mio sguardo leggano solo mera curiosita'.Strano,lo sguardo che dovrebbe essere la nostra parte piu' diretta,piu' trasparente puo' pure essere fraintessa...

andrea ha detto...

Sì Gabry, guardare qualcuno e comunque un modo per stabilire un contatto e chi prende l'iniziativa non sa mai quale sarà la reazione dell'altro. Ma credo che comunque valga la pena di provare.